Site Loader
Antonio Parisi - Informatica e Tecnologia
Cryptolocker il pericolo arriva anche dai nostri contatti

Cryptolocker - Il pericolo arriva anche dai nostri contatti

Cryptolocker. Il pericolo arriva anche dai nostri contatti

Introduzione

Cryptolocker – Il pericolo arriva anche dai nostri contatti: Un argomento che mi sta molto a cuore è dare dei buoni consigli per prevenire la perdita di dati. Tra i pericoli che girano in rete esiste una particolare minaccia che andando a buon fine può essere devastante per le informazioni presenti sul pc.

La minaccia in questione è un malware di tipo Cryptolocker ovvero un attacco informatico che cattura i nostri file rendendoli inaccessibili. Tale attacco rappresenta una vera e propria estorsione e viene classificata di tipo Ransomware. Agli utenti malcapitati per riavere indietro i propri file viene chiesto un vero e proprio riscatto e di solito avviene attraverso la richiesta di un pagamento in Bitcoin che è una moneta elettronica di difficile tracciamento.

Tra le varie forme di attacco ne esiste una particolarmente rischiosa ed insidiosa in quanto si presenta attraverso una Mail inviata da un nostro conoscente. Ciò avviene perchè il mittente ha il nostro indirizzo nella sua rubrica. L’attacco si manifesta inviando una mail con allegato a tutti i nominativi presenti nella rubrica e ciò avviene all’insaputa del mittente. Normalmente la regola è non aprire gli allegati che ci arrivano dagli sconosciuti ma in questo caso la mail arriva da una persona conosciuta pertanto il rischio aumenta notevolmente.

Ma come si fa a riconoscere una mail pericolosa?

Generalmente una mail è composta da un mittente da un oggetto e da un contenuto.
Nel caso di una mail sospetta il nome del mittente prende i primi caratteri prima della chiocciola e nel caso specifico un indirizzo di tipo mario.rossi@dominio.com il mittente assume il nome di mario.rossi.
L’oggetto della mail è compilato con data e ora ad esempio 1/24/2016 5:13:39 AM.
Il contenuto del corpo  di solito si presenta vuoto o al massimo contiene la data e l’ora, come indicato sopra, la mail può presentare un elenco di indirizzi mail per copia di conoscenza.
Infine la mail contiene un allegato e tale allegato è la vera minaccia ed è sufficiente cliccarci sopra per essere colpiti.
Esempio di mail sospetta: mario.rossi 1/24/2016 5:13:39 AM
Qualora, sfortunatamente, si è colpiti da tale minaccia si consiglia la lettura dei seguenti articoli e tutorial:

Cryptovirus: L’attacco al computer che prende in ostaggio i nostri dati

Come recuperare i file attaccati da un Ransomware

Come recuperare i file utilizzando le copie shadow di Windows

Antonio Parisi

 

Condividi:

Post Author: Antonio Parisi

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e riceverai sulla tua mail aggiornamenti su tutorial, notizie e tanto altro.

Segui su Facebook