E se guardassero i tuoi profili social prima di assumerti?

E se guardassero i tuoi profili social prima di assumerti?

E se guardassero i tuoi profili social prima di assumerti?

E se guardassero i tuoi profili social prima di assumerti?: Sembra proprio cosi! Le nuove tendenze di chi è preposto ad assumere potrebbero, ma già lo fanno, passare per i social network. Oltre al curriculum e colloquio si pensa potrebbe essere molto utile prendere in considerazione la “reputazione digitale” del o dei candidati.

Può sembrare banale ma non lo è! Ovviamente se si tratta di un social network, come ad esempio Linkedin, dedicato alla condivisione e pubblicazione di informazioni professionali tutto rientra nel contesto. Vedono chi sei, cosa fai e quale impiego potrebbe fare al caso tuo. Ma se si tratta di social network a carattere personale o di opinione, come Facebook o Twitter, le cose cambiano e il problema non riguarda solo chi è in cerca di lavoro.

Quella foto con gli amici davanti un barilotto di birra fresca, o alcolici vari, e che ha avuto centinaia di like può essere un successo, se guardiamo la cosa dal punto di vista allegorico e goliardico ma può risultare decisamente imbarazzante e compromettente per chi ha intenzione di assumerti. Quell’opinione politca che ti dà una grande soddisfazione nel pubblicarla o condividerla e che ti fa sentire partecipe della collettività sociale di sicuro diventa un macigno sulla tua identità digitale e qualche volta, presi dalla rabbia, ci si scaglia contro personaggi pubblici o politici rischiando qualche querela per diffamazione o comunque noie giudiziarie . E si potrebbe continuare all’infinito per quelle informazioni che volontariamente gli utenti pubblicano senza pensare alle conseguenze.

Sarebbe opportuno e necessario prestare sempre un pizzico di attenzione e vada per la foto spiritosa o il commento simpatico e coinvolgente ma senza esporsi troppo, senza danneggiare qualcuno o manifestare le proprie idee strettamente personali e confidenziali.

…le faremo sapere!

Antonio Parisi

 

Lascia un commento